Ashes - Ilsa J. Bick
In realtà per me è molto difficile recensire questo libro perchè ho trovato la lettura a volte troppo impegnativa ma sono contenta di essere arrivata in fondo, di aver avuto la possibilità di leggerlo."With no sense of smell, your memories dropped like pennies out of a ripped pocket, until the past was ashes and your parents were blanks: nothing more than the holes in Swiss cheese."Dalla presentazione di Goodreads:"A cataclysmic event. An army of "The Changed." Can one teen really survive on her own? An electromagnetic pulse sweeps through the sky, destroying every electronic device and killing billions. For those spared, it's a question of who can be trusted and who is no longer human..." Ma prima di questo c'è Alex una ragazza che sempre ha trovato la forza di lottare, è da sola perchè ha scelto un modo tutto suo per dire addio ai suoi genitori e si trova su questa montagna in campeggio a salutare e a prepararsi.E poi c'è Ellie una bambina di otto anni che ha accanto solo il nonno e che si trova anche lei a salutare il passato.E poi c'è Tom, questo soldato tornato dall'Afganistan che si porta dietro una storia di sofferenza di cui non abbiamo idea.E il mondo si ritrova a sopravvivere ad un'apocalisse, uno scenario tanto temuto quanto improvvisamente troppo, troppo vicino. Quando ci si ritrova ad un passo dalla morte ciò che rimane fisso e ben chiaro in mente è la sopravvivenza fisica e mentale e si fa qualsiasi cosa per riuscire ad ottenerla.Ashes non è un libro facile da affrontare perchè descrive un evento che potrebbe essere così verosimile che sconvolge leggere ciò di cui sono capaci le persone. L'inverno, in un mondo allo sfascio è sicuramente il momento peggiore per la fine del mondo.Ashes però è una storia di speranza, perchè Alex, la nostra eroina è la personificazione della lotta, del non cedere, del riuscire a sopravvivere oltre allo spazio e al tempo. Anche quando tutto sembra andare contro di lei, anche quando tutto ciò che lentamente conquista gli scivola di mano.La prima parte procede molto lentamente perchè ci si sofferma a introdurre lo Zap e poi il vero scoppio e la fine e quindi in un certo senso una sorta di stacco dalla vita precedente, da quello che c'era prima perchè dopo la tragedia niente è come prima. Ma quando Ellie dopo iniziali tentennamenti si unisce a Alex e al momento giusto e al posto giusto ( e questa è una cosa che verrà ripetuta spesso )arriva Tom a salvarle, la storia entra nel vivo e diventa assolutamente bellissima. Tom è il classico eroe, affascinante, pieno di premure, coraggioso ma pur sempre umano. Non è perfetto anche lui commette degli errori ed è proprio questo che lo rende assolutamente irresistibile e sarà facile per Alex innamorarsi di lui, anche se con le dovute sofferenze.Il life motiv del libro però sono proprio Ashes, le ceneri, e quest'atmosfera grigia che si trascina da un angolo all'altro del libro. Le ceneri dei genitori cremati di Alex, la cenere che continua ad aleggiare nell'aria dopo lo Zap, la cenere del fuoco, la cenere dei corpi bruciati. La cenere grigia che continua a cadere sul paesaggio e sulle loro teste.Una delle poche cose che non ho apprezzato e che alla fine non fanno raggiungere il voto pieno al libro è il frequente cambio di scena, la suspense sempre al limite, stai sempre con il fiato in gola senza pause e questo può essere troppo per il lettore costretto sempre a correre per tenere dietro alla storia. Lo stile della Bick è inconfondibile pieno di colpi di scena, sempre alto accurato e preciso, la lettura tutto sommato non è affaticata anche dalle scelte lessicali della scrittrice anzi notevolmente facilitate. Un libro da leggere sicuramente, e poi per come finisce io voglio subito il seguito, ho letto che fa parte di una progettata trilogia, spero di poterlo leggere il seguito perché davvero finisce nel pieno dell’azione ed è inconcepibile che finisca così.Ringrazio Netgalley e Egmont Usa per avermi dato la possibilità di leggere questo libro.