Ashfall - Mike Mullin
Ashfall è il primo romanzo di Mike Mullin in uscita ad Ottobre. Considerando che il suo primo lavoro consisteva nel togliere la gomma da masticare da sotto i banchi di una high school si può dire che ne ha fatta di strada. Ottenendo dei risultati molto buoni per giunta.Ashfall è la storia di Alex un sedicenne che si trova a vivere una catastrofe di immani dimensioni. Sotto Yellowstone c’è un supervulcano che improvvisamente erutta coprendo tutti gli Stati Uniti con un considerevole strato di cenere. Alex si trova a Cedar Fall, Iowa, in quel venerdì in cui il mondo cambia i suoi connotati, da solo perché la sua famiglia è a Warren, Illinois, a trovare uno zio, zio Paul. Inizia così il viaggio di Alex attraverso due stati, un viaggio lungo 140 miglia per ritrovare la sua famiglia. Un viaggio che lo condurrà a scelte difficili, a cambiare la sua visione del mondo ma soprattutto a conoscere l’amore con Darla. In un mondo sconvolto niente sarà più come prima e la violenza sarà all’ordine del giorno.Durante la lettura ci si perde totalmente nelle descrizioni di Mullin che devo dire sono assolutamente perfette e molto ad effetto. Si scorge un’accurata documentazione, a parte alcuni dettagli, sembra del tutto plausibile che un’eruzione vulcanica di tale dimensioni, faccia tali danni. E la cosa che sconvolge di più è questa cenere che continua a cadere ininterrottamente e che cambia il clima, fa ammalare gli animali, diviene il nemico principale perché si insinua in ogni buco libero.I colori che regnano sovrani e che ammutoliscono più di tutto perché fanno da sfondo alla lotta per la sopravvivenza. Le persone messe alle strette sono capaci di qualsiasi cosa. Anche perché le autorità reagiscono attraverso la repressione dell’esercito e trovandoci in una zona dimenticata da qualsiasi missione di salvataggio, essendo concentrate in altre parti del paese, si ha che fare con una situazione al limite in cui i rifugiati sono solo merce di scambio.Alex il protagonista all’inizio è il solito ragazzino che pensa che tutto gli sia dovuto, ma altra cosa che ho apprezzato del romanzo, è la crescita che compie attraverso le pagine. Questo ragazzo è capace di sacrificare metà del suo cibo per aiutare una famigliola in difficoltà, si batte coraggiosamente per salvare la ragazza che ama, fa delle scelte sbagliate, commette degli errori ma ne paga le conseguenze. Da quando lascia Cedar Fall con un paio di sci la strada è tutta in salita ma è sempre lui che tiene alto il morale, che infonde speranza e che in qualche modo spinge avanti.La prima parte, quando ancora non ha incontrato Darla, è molto più introspettiva e necessaria per inquadrare il personaggio e per far familiarizzare il lettore con lui e impariamo le sue mosse di taekwondo e il suo modo di agire tutto istinto e poco cervello. Ma dopo il suo incontro con la ragazza apprezziamo anche il suo lato più romantico, tenero e appassionato.Darla assume un ruolo centrale nella narrazione, non solo perché salva più di una volta la vita di Alex, ma perché è una ragazza estremamente forte, sicura di sé e assolutamente indipendente. Il suo modo ironico e sempre un po’ bitchy di rivolgersi a Alex è assolutamente spassosissimo e riesce sempre ad ammutolirlo con una parola, anche se alla fine è Alex quello che la spinge avanti e le fa forza. Ma i momenti in cui lei mostra le sue conoscenze tecniche riguardo motori, idraulica, agricoltura etc, mentre lui si trova senza parole a fissarla non capendo un tubo di quello che sta dicendo parlando il “Diesel truckish” sono senza prezzo. Si sente moltissimo la mano maschile dello scrittore durante la lettura ma devo dire che in questo caso è sicuramente più indicata. Lo si nota soprattutto nelle descrizioni in cui non si perde in dettagli inutili ma va dritto al punto. Lo si capisce quando Darla parla delle sue conoscenze e costruisce cose. Lo si capisce perché il protagonista è un ragazzo e ha bisogni diversi da quelli femminili. Ma Mullin è bravissimo a farci entrare nel suo cervello e ci comunica tutta una serie di impressioni che sarebbero state inavvicinabili per una donna. E soprattutto pone in rilievo un problema, o meglio una mancanza, che in altri tipi di romanzi non sarebbe stato necessario. Quali sono le priorità durante una marcia in una distesa sconfinata di cenere? Quando sei in un piccolo buco e hai una ragazza stretta a te che cosa pensi?Ho semplicemente adorato questo romanzo. Alex è una ragazzo che nonostante i suoi difetti è adorabile e lo prendi subito in simpatia, e Darla è assolutamente irrinunciabile perché aggiunge quel tocco in più. È un romanzo toccante in ogni senso perché affronta davvero ogni punto della nostra esistenza messo in crisi da una catastrofe: il cibo, un luogo dove dormire, la sicurezza, gli animali domestici, la famiglia.Un YA post-apocalittico con i controfiocchi dove la romance si unisce al viaggio e alla lotta e dove il protagonista maschile dalla cui prospettiva seguiamo la vicenda ci mostra un diverso mondo di pensare. Lo ammetto da ragazza vedo le cose in modo differente.Correte a procurarvi questo libro… io già non vedo l’ora di leggere il seguito. Ringrazio molto Netgalley e Tanglewood per avermi dato la possibilità di leggere una copia di Ashfall in cambio di una mia recensione. Good Luck Mike Mullin!